I braccialetti Cruciani per le popolazioni colpite dal terremoto: un aiuto subito per l'Emilia



Per chi è emiliano come me, sa cosa questo terremoto ha significato particolarmente per i nostri conterranei. Le iniziative di solidarietà per sostenere le popolazioni colpite sono molteplici, ho deciso di segnalarvi questa dell'azienda Cruciani, creatrice dei famosi bracciali in macramè, che ha deciso di creare uno speciale braccialetto limited edition "Un aiuto per l'Emilia" composto da romantici cuoricini multicolor. 
Il bracciale è stato realizzato grazie anche al contributo delle aziende che collaborano con il brand che hanno sposato immediatamente la causa e a tutte le boutique che aderiscono all'iniziativa.





Il brand, aderendo alla sottoscrizione lanciata da Mediafriends, insieme al TG5 e il Resto del Carlino, destinerà alle popolazioni sfollate la cifra di 100 mila euro pari all’intero ricavato della vendita dei bracciali disponibili nei monomarca Cruciani e in tutti i negozi multimarca al costo di € 10. 

Non è la prima volta che Luca Caprai sostiene un paese in difficoltà: nel 2011 aveva lanciato il progetto charity “Cruciani x 3/11” per i pescatori di Fukushima devastata dal terremoto dell’ 11 Marzo 2011. Tramite il messaggio del celebre braccialetto, Cruciani aveva destinato la cifra di 10.000.000,00 di yen al governo giapponese per l’acquisto di un’imbarcazione per la pesca, che rappresenta un concreto aiuto al sostentamento primario della popolazione locale.

Commenti

  1. BELLISSIMA INIZIATIVA...COME SEMPRE!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Bella idea quella di Cruciani in quanto emiliana aderirò!! Sono una nuova iscritta se ti va iscriviti al mio blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie vero!mi sono appena iscritta!

      Elimina
  3. A proposito di Cruciani e del patron Luca caprai che fa beneficenza. provate a digitare su Google
    Luca caprai truffa allo stato e scoprirete che il signorino tutto-beneficenza è stato rinviato a giudizio (il processo inizia a settembre 2012 per una truffa allo stato italiano per 50 milioni di euro che vede come indagati lui e altre 20 persone. Pare che sia stato interdetto dalle attività imprenditoriali. alla faccia della beneficenza, qua si parla di gente che truffava lo stato.

    RispondiElimina
  4. facile far beneficenza con i soldi degli altri... voglio vedere quanti soldi ha davvero dato in beneficenza e quanti se ne è intascati!!!

    Pinocchiooooooooooooo

    RispondiElimina

Posta un commento